Iscriversi Scuola di Coaching

Perchè iscriversi alla scuola di Coaching di Life Coach Italy?

Una testimonianza di Simona Noceti, neo coach a conclusione del Master Advanced Coach Academy. Il testo che segue è tratto dalla tesina di fine Master di Simona che immagina di raccontare a un amico il suo percorso. Simona riassume l’essenza del coaching attraverso 10 domande chiave, offrendo un’introduzione alle competenze e al processo di coaching.

Il Coaching in 10 Domande

1. Ciao Simona, Mi racconti del Master di Coaching che stai terminando?

Ciao Filippo, molto volentieri. Sto terminando un master di coaching presso la scuola Life Coach Italy. È un master impegnativo, estremamente interessante fatto di parte teorica e pratica alternate. Ho imparato davvero tanto e in primis credo abbia cambiato il mio modo di guardare la relazione con le persone. Del resto, se voglio fare il coach, per prima cosa devo incarnare il pensiero e abituarmi ad esserlo

2. A cosa serve il coaching?

Il coaching è uno strumento molto diffuso nelle aziende, ma tratta anche obiettivi personali. È fondamentale per lo sviluppo della persona e del suo lavoro. Immagina di avere un obiettivo e di essere accompagnato al suo raggiungimento attraverso un percorso, fatto di sessioni, in cui il coach ti fa domande e tu ritrovi le risorse che hai in te per avvicinarti via via al risultato. Tutto sarà sotto la tua responsabilità e solo con le tue scelte e decisioni.

3. Ma che tipo di obiettivo si può trattare?

Nel coaching possono essere trattati obiettivi di qualsiasi genere, purché siano realizzabili, sotto il controllo del cliente, positivi e tempificabili. In pratica il coach lavora sul presente, accompagnando il cliente nel futuro, con azioni e percorsi mentali decisi dal cliente stesso.

4. Come funziona? C’è un processo uguale per tutti?

Il master di questa scuola segue un metodo approvato da ICF (International Coaching Federation). Pertanto, il processo di coaching, che ho imparato, rispecchia le linee guida e le competenze di ICF, che rappresentano anche uno standard di eccellenza nel settore. Quindi io seguirò un codice etico e un metodo per fare domande, ma non sono standard, piuttosto cucite sul cliente.

5. Cosa intendi per competenze?

Sono un insieme di capacità, abilità e comportamenti che un coach professionista deve possedere e dimostrare per ottenere la certificazione ICF, insieme a cento ore di pratica. Sono otto e garantiscono che il processo sia efficace, etico e professionale.

Ecco in sintesi le 8 competenze del Coaching

  • Dimostra la pratica etica
    Il coach spiega al cliente le differenze con altri metodi, è onesto nella relazione, attento al cliente, rispetta il codice etico ICF, mantiene la riservatezza riguardo il cliente e quanto viene trattato nelle sessioni.
  • Incarna il coaching mindset
    Il coach si impegna ad uno studio continuo, si prepara prima delle sessioni, riconosce la responsabilità del proprio cliente, usa le sue intuizioni a beneficio del cliente.
  • Stabilisce e mantiene accordi
    Il coach collabora con il cliente per stabilire gli accordi di tutto il processo, gli obiettivi e gli indicatori di risultato, sessione per sessione.
  • Coltiva fiducia e sicurezza
    Il coach crea un ambiente sicuro per il cliente, mostrando fiducia nelle sue capacità, supporto ed empatia, accettando le idee e le risposte del cliente.
  • Mantiene la presenza
    Il coach rimane concentrato sul cliente per tutta la durata della sessione, aperto, curioso, gestendo le proprie emozioni e lasciando gli spazi necessari al cliente.
  • Ascolta attivamente
    Il coach ascolta il cliente nella sua interezza. È attento alle espressioni verbali e non, ascolta il tono della voce, osserva i cambiamenti di postura, gli atteggiamenti e le emozioni. L’ascolto attivo permette al coach di fare domande più efficaci e aiuta il cliente a esplorare le proprie esperienze e sentimenti.
  • Evoca consapevolezza
    Il coach facilita la comprensione del cliente attraverso domande potenti, silenzio e metafore. Invita il cliente a condividere le sue esperienze, lo aiuta a riflettere su convinzioni ed emozioni. Il coach esprime al cliente le proprie intuizioni in modo utile.
  • Facilita la crescita del cliente
    Il coach collabora con il cliente per trasformare le intuizioni in riflessioni e come progettare le azioni future.

6. Cosa significa per un cliente scegliere un coach che utilizza le competenze ICF?

Un coach che utilizza le competenze ICF può aiutare il cliente a raggiungere una maggiore consapevolezza di sé, a valorizzarsi, a identificare e superare gli ostacoli, a definire obiettivi chiari, progettare azioni e a ritrovare motivazioni. Questo porta a miglioramenti significativi nella vita personale e professionale del cliente. La fiducia e la sicurezza che si creano attraverso un coaching basato su queste competenze favoriscono un ambiente di crescita e di sviluppo continuo.

7. Quale delle competenze che mi hai descritto è più sfidante per te?

Guarda, la sfida è l’intero processo. Abbiamo lavorato molto su ogni singola competenza. La difficoltà è applicarle tutte in ogni sessione: è fondamentale rimanere concentrati sul cliente evitando pregiudizi, congelando le mie idee, la mia personalità, non interpretando, ma ascoltando per non influenzare le sue riflessioni. È importante saper dare riscontri in modo attivo, sapendo gestire le proprie emozioni, lasciando i silenzi necessari al cliente.

Una sessione può essere sintetizzata così:

  • Contratto. La fase in cui si stabiliscono gli accordi economici, il numero di sessione, la loro durata (es. un’ora), la cadenza. Si spiega la differenza con altri metodi e si racconta come avviene il processo, si parla del codice etico.
  • Obiettivo. Si definisce l’obiettivo del processo e si arriva a definire l’obiettivo da trattare nel tempo a disposizione. Deve essere sotto il controllo del cliente, positivo, trattabile e realizzabile in tempi da definire.
  • Indicatore di risultato. È il modo in cui il cliente capirà di aver raggiunto il risultato della singola sessione.
  • Apprendimenti Tutto ciò che è emerso in sessione, i cambiamenti, le nuove consapevolezze, che ha il cliente di sé, del suo modo di ragionare e di agire.
  • Azioni. Quali azioni il cliente è pronto a introdurre, anche fuori dalla sessione, con quali motivazioni e con quali tempistiche. 
  • Valutazione dei risultati. Il coach aiuta il cliente a valutare i risultati ottenuti, con riscontri positivi, evidenziando le nuove consapevolezze del cliente, i cambiamenti, confrontandoli con il risultato che il cliente voleva ottenere ad inizio sessione.

8. È davvero interessante tutto quello che mi hai raccontato, ora come prosegue il tuo percorso?

Mi sto allenando con i colleghi di corso, ho già trovato persone disponibili a fare un percorso di coaching con cui ho iniziato a fare pratica. A giugno sostengo l’esame orale e mi sono data tempo fino a metà ottobre per raggiungere il numero di ore necessario a richiedere la certificazione ICF. Nel frattempo, all’interno della scuola, identificherò un mentor con il quale interfacciarmi per i passi successivi.

9. Mi sembra di capire che hai scelto un ottimo Master.

Si! Mi ha aperto la mente e fatto scoprire un mondo nuovo. Porterò avanti questo mio nuovo obiettivo professionale. Iniziare il percorso da una buona formazione seria e professionale è stato fondamentale, ora servono pratica e studio. Sai che aiutare gli altri fa parte di me: farlo in modo strutturato, serio e professionale, farà sicuramente la differenza, per me e per le persone con cui lavorerò.

10. Consiglieresti questa scuola anche a me?

Certo. Il master è online e durante il weekend. I contenuti sono trattati in modo semplice e chiaro. Sono estremamente disponibili, serie e tutto è strutturato facendoti entrare direttamente nel processo e a poco a poco acquisisci le competenze. Ti viene fornito molto materiale su cui studiare e approfondire gli argomenti trattati.

Questa presentazione fornisce un quadro sintetico di cosa significa formarsi come un coach professionista e come il coaching può servire efficacemente a chi cerca di migliorare aspetti della propria vita professionale e personale. Simona Noceti, attraverso il suo percorso di formazione presso Life Coach Italy, si prepara ora a portare queste competenze nel mondo professionale, aiutando gli altri a realizzare il loro potenziale. 

Grazie Simona per il tuo contributo e in bocca al lupo per il tuo futuro da Coach professionista!

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Iscriversi Scuola di Coaching Competenze del Coach

Perchè iscriversi alla scuola di Coaching di Life Coach Italy?

Una testimonianza di Simona Noceti, neo coach a conclusione del Master Advanced Coach Academy. Il testo che segue è tratto ...
Leggi l'articolo →
Vivere il qui ed ora Life Coaching

Vivere il qui ed ora: Il Segreto per una vita più serena.

Che accade quando si pensa  costantemente al futuro o si passa il tempo a rimuginare sul passato? Quanto tempo dedichiamo ...
Leggi l'articolo →
Il Benessere dei Dipendenti Oggi. Una priorità per le Risorse Umane Crescita Personale

Equilibrio e crescita: Integrare benessere emotivo e sviluppo personale.

Nell’avventuroso viaggio dell’auto-miglioramento, un elemento spesso trascurato, ma di vitale importanza, è il benessere emotivo. Questo aspetto è cruciale e ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.