Life Coach Italy - Navigare tra ambizione e benessere personale - L'arte del bilanciamento

Navigare tra ambizione e benessere personale: l’arte del bilanciamento.

Vivere per lavorare o lavorare per vivere? 
Molti risponderanno:”Ovvio, lavorare per vivere…”, ma è veramente così? 
Questa distinzione diventa, infatti, ogni giorno più sfumata.

Ci ritroviamo intrappolati in un circolo vizioso dove il lavoro consuma la maggior parte delle energie e del tempo, spesso a scapito della vita personale e delle relazioni umane. 
Tuttavia, come sottolineato da Katie Thurmes, Co-Founder di Artifact Uprising®:

Non puoi fare un buon lavoro, se il tuo lavoro è tutto ciò che fai.

Un monito che richiama l’importanza di preservare gelosamente un equilibrio sano tra vita e lavoro, tra le responsabilità professionali e quelle della vita privata.

La sfida dell’equilibrio


Il concetto di equilibrio tra vita e lavoro è diventato un tema centrale nel dibattito sulla qualità della vita

Dolly Parton, cantautrice e musicista, ha saggiamente affermato:

Non essere mai troppo impegnato a guadagnarti da vivere tanto da dimenticarti di farti una vita.

Questa riflessione evidenzia una realtà in cui molte persone si perdono nell’incessante ricerca del successo professionale, dimenticando che il lavoro dovrebbe essere un mezzo per migliorare la propria esistenza, non il suo fine ultimo.

Nonostante la crescente pressione per eccellere sul lavoro, è vitale ricordare che dedicare il giusto tempo a se stessi, alla famiglia e agli amici è essenziale per una vita piena e soddisfacente.
Il lavoro, seppur importante, è solo un tassello di un progetto di vita più ampio, che dovrebbe includere momenti di gioia, riposo e crescita personale.

Il controllo sul proprio tempo


Sul piano individuale, è basilare sviluppare una piena consapevolezza di come il lavoro influisce sulla propria vita personale.
Stabilire confini chiari tra tempo lavorativo e tempo libero, saper dire di no a richieste lavorative eccessive e trovare hobby o attività che ricreino lo spirito sono passi importanti verso un’esistenza più equilibrata.
La capacità di calibrare tempi e risorse emerge come una competenza fondamentale da acquisire o sviluppare.

Un disequilibrio prolungato potrebbe avere gravi conseguenze sul proprio benessere personale.
Stress, ansia, burnout e problemi di salute sempre più diffusi tra la popolazione, non sono di certo una causalità.

Le organizzazioni stanno facendo dei buoni passi in avanti. Promuovono politiche che favoriscono ambienti lavorativi sani, tra cui l’introduzione di orari flessibili, lavoro da remoto, periodi di pausa adeguati, e diffondono una cultura del lavoro che valorizza il tempo personale.

Ma tutto ciò non basta, se non è in primis il singolo a prendersi cura di se stesso.

Strategie personali per un miglior equilibrio, le prospettive di un coach.


Sviluppare la consapevolezza di come il lavoro influisca sulla propria vita personale è il fondamento su cui costruire qualsiasi strategia di equilibrio vita-lavoro.
Essere consapevoli aiuta a riconoscere quando il lavoro comincia a invadere spazi che dovrebbero essere riservati al riposo, al tempo libero, e alle relazioni personali. 

I coach facilitano l’ascolto dei propri bisogni anche per monitorare i livelli di stress e di soddisfazione personale, utili a valutare lo stato del proprio benessere.

In sintesi, tra le  strategie più efficaci per mantenere questo equilibrio:

  • stabilire confini chiari tra le diverse sfere della propria vita.
    In pratica, ciò può significare definire orari di lavoro precisi e impegnarsi a rispettarli, evitando di controllare e-mail o di svolgere compiti lavorativi al di fuori di questi orari.
    Diventa essenziale disconnettersi fisicamente e mentalmente dal lavoro e dai devices durante il tempo libero.
  • dire di no.
    Saper rifiutare richieste lavorative eccessive non è solo un segno di assertività, ma anche di autoconsapevolezza e rispetto per il proprio tempo e le proprie energie.
    Questo non implica trascurare le proprie responsabilità, ma piuttosto distinguere l’importanza dall’urgenza, valorizzare il proprio tempo e stabilire priorità chiare. 
  • Incorporare hobby o attività che arricchiscano lo spirito. 
    Inserire pause rigeneranti dal lavoro, contribuisce anche a mantenere elevati livelli di creatività e motivazione. Che si tratti di sport, arte, lettura o qualsiasi altra passione, è fondamentale dedicare tempo a queste pratiche. Esse rappresentano non solo un modo per rilassarsi, ma anche per esprimere e scoprire se stessi al di fuori del contesto lavorativo.

Un coach consente di avviare questo processo, sviluppando un piano personalizzato che tenga conto delle esigenze specifiche della persona.
Attraverso sessioni regolari, il coach offre supporto e aiuta nella presa di consapevolezza e responsabilità. Due elementi essenziali per chi cerca e vuole mantenere un equilibrio efficace tra lavoro e vita personale.
Il coach accompagna verso il cambiamento, incoraggiando riflessioni profonde sulle proprie abitudini e aiutando a implementare nuove strategie in modo costruttivo.

In conclusione, mentre le sfide dell’equilibrio vita-lavoro continuano a evolversi, adottare un approccio proattivo e imparare anche pratiche di self-coaching offre una soluzione per migliorare sia la qualità della vita lavorativa che quella personale.
Con il giusto sostegno e le strategie adeguate, è possibile creare una vita di successo professionale, che custodisce e protegge anche il valore del benessere personale.

Wayne Dyer, psicologo e scrittore, disse:
Stare in equilibrio non è tanto adottare nuove strategie per cambiare i tuoi comportamenti, quanto piuttosto riallineare te stesso in tutti i tuoi pensieri in modo da creare un equilibrio tra ciò che desideri e il modo in cui conduci la tua vita su base giornaliera.

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Life Coach Italy - BLOG - Speranza sedia dei pigri? Crescita Personale

Speranza, sedia per pigri? 

In questo articolo vogliamo proporvi una nostra riflessione critica sul ruolo della speranza nelle dinamiche della vita quotidiana e dello ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Navigare tra ambizione e benessere personale - L'arte del bilanciamento Crescita Personale

Navigare tra ambizione e benessere personale: l’arte del bilanciamento.

Vivere per lavorare o lavorare per vivere? Molti risponderanno:”Ovvio, lavorare per vivere…”, ma è veramente così? Questa distinzione diventa, infatti, ogni giorno ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Leadership e umiltà - un binomio strategico per il benessere aziendale Business Coaching

Leadership e umiltà: un binomio strategico per il benessere aziendale.

In un tessuto imprenditoriale che spesso esalta l’audacia e l’affermazione personale, la leadership basata sull’umiltà si presenta come un paradigma ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.