Il senso di responsabilità: una bussola per la vita

Il senso di responsabilità: una bussola per la vita 

In un mondo in costante evoluzione, il senso di responsabilità rimane un faro che guida le azioni individuali e collettive nella vita quotidiana e nelle relazioni interpersonali.

Quando si parla di responsabilità si parla di consapevolezza e accettazione delle conseguenze delle proprie azioni.
È una qualità intrinseca, che si manifesta proprio attraverso la capacità di assumersi obblighi, a volte anche oltre la propria capacità di gestione.
Si  tratta di “rispondere” in modo “abile”.

Non è sempre facile, infatti, gestire il senso di responsabilità in modo bilanciato, a volte esso può portare a due estremi opposti: da un lato a perdere il controllo su ciò che si può o meno controllare, dall’altro a scaricare la responsabilità su fattori o persone terze.

Sovraccarico di responsabilità: perdere il controllo


Nell’intento di essere diligenti e affidabili, alcune persone finiscono per assumersi oneri oltre la propria capacità di gestione, giungendo a una condizione di stress e ansia cronici.
Questo eccesso di zelo può essere dovuto a:

  • paura del giudizio altrui e bassa autostima
  • volontà di superare le aspettative
  • perfezionismo
  • paura di deludere gli altri
  • mancanza di confini tra vita personale e professionale
  • mania di controllo e incapacità di delegare.

In questi casi si giunge ad una situazione quasi paradossale, in cui il senso di responsabilità anziché fungere da guida, diventa una fonte di preoccupazione incessante, di malessere, rendendo le persone incapaci di definire il confine tra ciò che è controllabile e ciò che non lo è.

Indietreggiare di fronte alle responsabilità: scaricare il peso 


All’opposto, ci sono persone che tendono a negare le proprie responsabilità, attribuendo la causa dei propri fallimenti, o dei progetti o compiti non portati a termine, a circostanze esterne o ad altri individui.
Questa tendenza a retrocedere di fronte alle proprie responsabilità può nascere da:

  • mancanza di fiducia nelle proprie capacità
  • paura del fallimento
  • desiderio di proteggere la propria immagine
  • abitudine
  • mancanza di competenze
  • educazione deresponsabilizzante
  • sbagliati modelli di ruolo
  • paura delle conseguenze negative.

In questi casi la responsabilità diventa un peso da cui distanziarsi, piuttosto che un elemento costitutivo del proprio ruolo sociale e professionale. 
Questo atteggiamento impedisce la crescita personale delle persone e lo sviluppo di relazioni basate sulla fiducia reciproca.

Bilanciare il senso di responsabilità


Avere equilibrio nel proprio senso di responsabilità, specialmente nell’ambito della vita professionale, dove le pressioni possono essere forti e il confine tra vita privata e professionale spesso labile, consente di trovare soddisfazioni e ottenere successo. Ciò richiede:

  • essere consapevoli di se stessi 
  • comprendere le proprie capacità, i propri limiti e valori
  • rispettare priorità e delegare – essere in grado di distinguere tra compiti urgenti e importanti e delegare
  • delineare il proprio locus of control – essere in grado di riconoscere che esistono eventi fuori dal proprio controllo e focalizzare la propria attenzione su quelli che si possono controllare
  • definire obiettivi realistici – stabilire obiettivi raggiungibili così da evitare sovraccarico o eccessivo stress o burnout
  • creare una rete di sostegno – condividere i carichi di responsabilità e sapere quando è ora di chiedere aiuto o delegare
  • difendere i propri spazi – assegnare valore al proprio tempo libero
  • prendersi del tempo – riflettere sulle esperienze passate per farne tesoro.

Il senso di responsabilità è quindi una bussola che, se ben calibrata, può orientare verso una vita di soddisfazioni, migliorando sia la qualità del lavoro sia del tempo libero.

La responsabilità è uno dei 4 passaggi evolutivi del commitment che vive un cliente in un percorso di coaching: consapevolezza – responsabilità – impegno – azione.

  1. Essere consapevoli degli obiettivi/risultati attesi, consente di
  2. assumersi la responsabilità delle proprie scelte, sostiene
  3. l’impegno verso se stessi per 
  4. agire concretamente per ottenere ciò che si desidera.

Il concetto di responsabilità, gioca un ruolo chiave nel percorso di crescita personale degli individui, come motore di apprendimento e autosviluppo.
Ma come si traduce questo in crescita personale?

Apprendimento


L’apprendimento inizia con l’accettazione della responsabilità per il proprio sviluppo.
Quando un individuo si assume la responsabilità del proprio processo di apprendimento, si impegna attivamente nella ricerca di conoscenze e competenze. 
In questo il coaching può essere d’aiuto e può favorire:

  • autoeducazione – scelta di approfondire argomenti di interesse personale o professionale, andando oltre i contenuti standardizzati
  • feedback – accettazione e utilizzo costruttivo del feedback, vedendolo come un’opportunità per migliorare piuttosto che come una critica
  • riflessione – l’abitudine di riflettere sulle esperienze passate, sia positive che negative, per trarne insegnamenti per la vita.

Autosviluppo


L’auto-sviluppo implica un processo continuo di auto-miglioramento, che richiede la capacità di guardarsi dentro e di lavorare sulle aree che necessitano di miglioramento. Ciò include:

  • autodisciplina – stabilire e mantenere routine che promuovano la crescita personale, come l’esercizio regolare o la meditazione
  • obiettivi – impostare obiettivi personali chiari e misurabili e perseguirli con determinazione
  • autocoscienza – essere consapevoli dei propri punti di forza e delle aree di miglioramento, cogliere iniziative per sviluppare entrambi.

Conclusione


Il senso di responsabilità è la chiave d’accesso per l’apprendimento e l’autosviluppo e il faro per il benessere sia nella sfera personale sia professionale.
Abbracciare pienamente le proprie responsabilità, affrontare i cambiamenti, significa sbloccare il potenziale per la propria crescita personale. 

La responsabilità ci consente, quindi, di diventare gli artefici della nostra vita e di raggiungere le nostre aspirazioni.


Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.