Da invisibili a visibili: i bambini vogliono essere visti.

Da invisibili a visibili: i bambini vogliono essere visti.

In famiglia, i bambini spesso si ritrovano a navigare nel mare delle aspettative e delle etichette attribuite loro fin dalla tenera età.
Queste etichette possono essere affettuose o apprezzative, come “la principessina di papà” o “il brillante”, “il cervellone della famiglia” oppure più problematiche, come “il difficile” o “il ribelle”.
Se da un lato questi ruoli possono sembrare innocui, dall’altro possono diventare gabbie invisibili che celano la vera identità del bambino, che ne ostacolano la possibilità di essere visto per come veramente è, o semplicemente di “essere visto” punto.

Il bambino diventa quindi “invisibile” all’interno del nucleo familiare.

Il peso dei ruoli e delle aspettative


I ruoli preconfezionati possono avere un impatto significativo sullo sviluppo di un bambino

Quando un bambino viene etichettato come “il tranquillo” o “il casinaro”, tende ad interiorizzare queste aspettative e a comportarsi di conseguenza, spesso a discapito della propria individualità e del proprio potenziale.
Questi ruoli possono limitare la libertà di espressione emotiva e la possibilità di esplorare aspetti diversi della propria personalità.

Ad esempio: una bimba etichettata come “la principessina di papà” potrebbe sentirsi obbligata a mantenere un comportamento sempre impeccabile e femminile, anche quando vorrebbe esprimere il suo lato più energico o avventuroso. Il “cervellone” potrebbe sentire la pressione di eccellere sempre, soffocando la sua creatività o il desiderio di perseguire passioni meno, diciamo, accademiche.
Il “ribelle”, etichettato come fonte di guai, potrebbe ritrovarsi a conformarsi a tale aspettativa, anche se dentro di sé desidererebbe essere compreso e guidato.

Tutto ciò, come ben potete capire, non conduce a nulla di sano per i nostri bambini.

La forma dell’identità


Altrettanto limitante può essere l’intento attivo dei genitori di modellare i figli in un certo modo, plasmandoli secondo un’immagine ideale o per conformarsi a specifici standard sociali.

I genitori spesso impiegano tutte le loro forze ad insegnare ai figli ad “imparare a comportarsi bene” trascurando di insegnare loro ad “imparare ad essere se stessi”.

In questo processo, i bambini imparano a “comportarsi bene”, ma a quale costo? 

Purtroppo a quello di soffocare la propria voce interiore e il bisogno di esprimere la propria unicità, minando così la propria autostima.

L’Importanza di “Essere se stessi”


Il compito principale nell’infanzia e nell’adolescenza non è solo “imparare a comportarsi”, ma soprattutto “imparare ad essere“. 

L’apprendimento del “saper essere se stessi” è fondamentale.
Implica l’accettazione delle proprie emozioni, l’esplorazione dei propri interessi e la valorizzazione delle proprie opinioni.
Significa permettere ai bambini di sviluppare una loro identità autentica, distinta dai desideri e dalle proiezioni dei genitori, concedere loro spazio per esplorare, per commettere errori, per cadere e rialzarsi.
I bambini devono sentire che la loro famiglia è un ambiente sicuro dove poter scoprire la propria identità senza il timore di deludere o di essere etichettati.

Superare l’invisibilità


Che cosa fare quindi per evitare che i bambini diventino “invisibili”?
È essenziale che i genitori siano consapevoli delle proprie aspettative e dell’influenza che queste possono avere. 
È fondamentale ascoltare i bambini con genuino interesse, incoraggiarli a esprimere liberamente pensieri e sentimenti, riconoscere e celebrare la loro individualità.
Importante è impegnarsi a vederli quando chiedono di essere visti

Dimostrare loro accettazione incondizionata.
Insegnare l’auto-compassione e far capire loro che l’errore e la vulnerabilità sono parti naturali dell’essere umano.
Essenziale è accettarli per ciò che sono, non solo per ciò che fanno.

Consigli e strategie per genitori consapevoli

  1. Ascolto attivo: prestare attenzione non solo a ciò che il bambino fa, ma anche a ciò che dice e non dice, come si sente, senza giudizio e con apertura.
  2. Riconoscere l’unicità: celebrare le caratteristiche uniche di ogni bambino, piuttosto che confrontarle con quelle dei fratelli o di altri bambini.
  3. Flessibilità dei ruoli: evitare di assegnare ruoli fissi e permettere ai bambini di sperimentare diversi aspetti della vita.
  4. Valorizzazione dell’errore: incoraggiare il bambino a vedere gli errori come opportunità di apprendimento piuttosto che come fallimenti.
  5. Sostegno all’autonomia: supportare i bambini nelle loro scelte e nelle loro passioni, anche quando queste non corrispondono alle aspettative o agli interessi dei genitori.

Conclusione


Ogni bambino merita di essere visto e ascoltato per ciò che veramente è, non per ciò che gli altri desiderano che sia.
Rompere le barriere dei ruoli prestabiliti e delle aspettative è un passo cruciale per garantire che i bambini possano crescere sentendosi valorizzati, amati e, soprattutto, visibili. 

La vera sfida educativa è quella di accompagnare i bambini nel percorso di scoperta di sé, fornendo loro gli strumenti per costruire una solida autostima e la libertà di esprimere la propria autenticità.

Ciò non solo previene la sindrome dell’invisibilità dei bambini all’interno della famiglia, ma pone le fondamenta perché crescano come giovani e adulti autentici, sicuri e felici, capaci di esprimere la propria individualità nel mondo.

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.