SARA NON VUOLE RICORDARE, NOI SI

Il 27 gennaio si celebra il giorno della memoria della Shoah. E si celebrano anche le persone che hanno combattuto al fianco dei perseguitati, a costo della propria vita.

Sara ha quasi 90 anni. Ha la mente lucida ed è ancora una persona attenta ai bisogni del prossimo e curiosa. Legge ogni giorno il suo quotidiano, è abbonata a un settimanale internazionale, non perde i tg ed è sempre aggiornata sulle notizie nel mondo.

Ogni tanto qualcosa le risveglia un dolore antico. E a fatica, racconta di quei tragici anni, di quando ha dovuto abbandonare tutto, fuggire dalla sua terra con la famiglia. Racconta le atrocità che ha vissuto, le tornano in mente il nonno ucciso durante una marcia forzata, i parenti, gli amici trucidati nei campi di concentramento e sua cugina. Aveva la sua età, era bellissima, stuprata e uccisa dai nazisti.

Capita che durante il racconto, arrivi un pensiero diverso e lei lo segua, per scivolare via dagli incubi del suo passato. Sara non vuole ricordare.

Ma noi si, dobbiamo farlo, prechè non accada mai più. Dobbiamo mantenere viva la memoria per non dimenticare i sei milioni di ebrei barbaramente perseguitati e trucidati dal fanatismo razzista in nome di valori e convinzioni deliranti. E furono sterminati anche migliaia di persone per il colore della loro pelle, per la loro identità sessuale, per l’appartenenza a un popolo.

Il 27 gennaio si celebra il giorno della memoria della Shoah. E si celebrano anche le persone che hanno combattuto al fianco dei perseguitati, che si sono opposte ai progetti di sterminio, a costo della propria vita per proteggere e salvare quella di altri.

Ancora oggi in molte, troppe, parti del mondo si uccidono e torturano donne, uomini e bambini, in nome di cosiddetti “valori” religiosi, economici, sociali o altro.

Ricordiamo e celebriamo il vero senso della vita.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.