RESTARE O VOLARE?

Tentare di farcela da soli, ma cadere. Provare ancora, facendosi del male. Insistere, riprovare, continuare a ricadere e poi di nuovo a fatica fare ancora altri tentativi, sbattendo la testa e rovinando a terra. Cosa fareste in condizioni simili, continuereste a provare o lascereste perdere?

Forse qualcuno lascerebbe perdere, senza ricordarsi che in passato ce l’ha fatta! Molti anni fa ha superato sforzi e ostacoli che sembravano insormontabili, fino a restare in piedi, fino a compiere i primi passi e poi, addirittura, è riuscito a correre e a pedalare! E quanti anni aveva questo campione di resistenza? Circa 18 mesi. A quell’età siamo riusciti a superare le prime dure prove della vita, con successo, senza farci scoraggiare da paure o da dubbi: sarò all’altezza di camminare come gli altri? E se poi non riuscirò ad andare spedito? E se poi mi renderò ridicolo?

E se…e se. A quei tempi seguivamo solo il nostro sano istinto, il desiderio inconscio di realizzare le potenzialità che la natura ci ha donato; non invidiavamo chi camminava, ma ne eravamo affascinati. Erano modelli da emulare! Roy Martina sostiene che alla nascita il software che regola la nostra mente è perfetto e sofisticato, ma con il tempo qualcosa lo rovina. Un genitore troppo apprensivo, un maestro severo, un rimprovero, un’esperienza vissuta male o una carezza mancata, immettono un virus che fa andare in tilt il nostro meraviglioso meccanismo. E così non si riesce più ad ascoltare l’istinto, ma solo la paura di sbagliare, il timore del giudizio altrui, di non farcela. Siamo noi stessi ad aggiungere con il tempo altri virus, abbarbicati a vecchie e dannose abitudini, vittime di resistenze a cambiare, ad evolvere. Chiusi nel bozzolo che noi stessi abbiamo creato. Quando è il momento di spezzare le nostre catene? Semplicemente quando sentiamo la morsa ai polsi troppo stretta e ci manca l’aria per respirare. Ma come fare?  Ascoltandoci, recuperando quelle forze straordinarie che sono sempre in noi, pronte a farci ritrovare la via alla nostra realizzazione.

Le ali sono pronte, basta un po’ d’olio agli ingranaggi, qualche esercizio di allenamento e presto saranno pronte per sostenervi in un volo alto. Da lassù le prospettive cambiano, si ampliano, tutto si ridimensiona e la meta diventa più facile da individuare e da raggiungere.

Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile, dunque la fecero.
(Bertrand Russel)

Giovanna Giuffredi

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi Crescita Personale

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi

Il libro per bambini di Leo Lionni “Pezzettino” tocca un tema a noi molto caro, su cui questa settimana vorremmo ...
Leggi l'articolo →
Business Coaching

Unità nella diversità: un approccio olistico per un business responsabile

Che cosa significa adottare un approccio olistico in azienda?Se ne parla molto, ma sappiamo tutti dare una risposta a questa ...
Leggi l'articolo →
Il tempo come eredità - una riflessione sul valore del tempo Crescita Personale

Il tempo come eredità: una riflessione sul valore del tempo 

Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando. Albert Einstein. ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.