NON E’ TUTTO BIANCO O NERO

Approfondimento del video sullo stesso tema, pubblicato sul sito www.job24.it, canale Lavoro de Il Sole 24ore.

Ci sono persone che hanno la tendenza a vivere tutto in modo bipolare, sempre agli estremi di una infinita varietà di possibili pensieri. O è bianco o è nero, o è tutto o niente, sempre in posizioni opposte tra loro e fanno fatica ad ascoltare la voce delle sfumature intermedie, tantomeno a viverle e a trasformarle in azioni.

Un imprenditore, molto responsabile nel suo ruolo, uomo che si era fatto da sé, di grandi capacità produttive e relazionali, rientrava in questa tipologia di persone. Era pienamente consapevole delle sue risorse, sentiva di essere un adulto risolto e soddisfatto nel suo lavoro, tutti facevano riferimento a lui, nel lavoro e in famiglia, riconoscevano il suo valore, gli affari andavano bene, ma… non era pienamente soddisfatto sul piano esistenziale.

Sentiva che una parte di sé non riusciva ad emergere. In una conversazione di coaching l’aveva definita la sua parte bambina. Era la sua spinta creativa, quella che voleva giocare, che per lui voleva dire in particolare, dedicarsi alla sua musica. Aveva un grande talento musicale, componeva e suonava senza aver fatto studi specifici e quando si sedeva al piano era totalmente appagato. Le sue mani sui tasti sapevano incantare le platee che lo ascoltavano. Ma si concedeva solo raramente quei momenti, perché li riteneva una perdita di tempo e il suo essere adulto glielo impediva.

Lavorando su di sé ha sperimentato che poteva immaginare di far dialogare il bambino e l’adulto, potevano prendersi per mano e diventare alleati l’uno per l’altro, integrandosi a vicenda. Ha accolto così la sua spinta creativa per dare armonia e passione al suo lavoro e la sua parte adulta ha saputo trasformare quegli imput in modo produttivo.

E’ riuscito a fondere i messaggi e le esigenze del bambino e dell’adulto. Concretamente oggi si è ritagliato uno spazio per sé e la musica che ha composto accompagna il visitatore nel suo sito aziendale e rispecchia lo spirito della sua impresa.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.