LE TRAPPOLE DEL COACHING: RICONOSCERLE PER EVITARLE

Approfondimento del video pubblicato su JOB24, canale lavoro del Sole24ore.com

Questo volta parlo di alcune trappole del coaching. Meglio riconoscerle per evitare al coach di cascarci e al cliente di evitare il coach, che ci casca.

1. La trappola dei perchè: Vorrei sapere perchè non faccio questo, perchè faccio sempre quest’altro, ecc. L’80% dei clienti chiede di esplorare le cause di ciò che non accade o che accade e non vorrebbero che accadesse. Dedicare un percorse alle cause, permette forse di avere chiarezza sul passato, ma non consente di fare un passo in avanti. Una sessione di coaching si può definire efficace, solo se la persona a conclusione, ha fatto dei progressi. Basta chiedere perchè vuoi lavorare sui perchè? In genere la risposta è per capire come andare avanti. E io di solito rispondo, scegli se andare subito avanti o lavorare sulle cause e restare dove sei. La risposta è scontata.

2. La trappola dell’oracolo: Dimmi tu, che devo fare? Domanda molto gratificante, che assegna al coach l’alone della sapienza e della tuttologia. Ma che effetto fa il consiglio? Di solito viene accettato con gratitudine, la persona se ne va via soddsfatta e, anche se il consiglio è buono, resterà sempre la sensazione, che è stata un’altra persona a trovare una soluzione. A lungo andare i consigli a mio parere, indeboliscono. Aiutare una persona a trovare la sua risposta, quella che conta, è una sferzata di autostima che lascia un segno positivo.

3. La trappola del ci sono capitato. Quando il cliente porta una tematica che ci ha toccato da vicino o che stiamo vivendo, lo scivolo emotivo è pronto per accoglierci. Si rischia di scivolare nelle emozioni vissute, nelle dinamiche trascorse, nella storia personale, che fanno allontanare dalle parole del cliente, perchè si ascolta il proprio linguaggio interiore. Si rischia di indossare filtri per interpretare una storia che naturalmente è diversa dalla nostra. In questi casi, se si percepisce un pericolo di questo genere, basta ammetterlo con trasparenza e dire che non si ha la serenità per trattare un modo neutro quell’argomento. Meglio passare il cliente un altro collega.

4. La trappola dell’ io ti salverò. Molto nota a tante persone che sentono la necessità di risolvere la vita di una persona, interpretando i suoi bisogni e trovando soluzioni, anche non richieste esplicitamente. “Grazie a me cambierai”, è la sindrome della crocerossina, che può celare un bisogno di essere amati, apprezzati, e nei casi peggiori, una fantasia d’onnipotenza e il tentativo di manipolare l’altro, creando addirittura una sorta di dipendenza. Questo è un caso limite, ma da monitorare con grande attenzione.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Strategie di Coaching per il Management: dominare emozioni e stress Business Coaching

Strategie di Coaching per il Management: dominare emozioni e stress

Nel frenetico ambiente manageriale di oggi, dove sono richieste decisioni rapide e massima efficienza, mantenere il controllo sulle proprie emozioni, ...
Leggi l'articolo →
Conflitti familiari: strategie e soluzioni per gestire l’effetto bandwagon. Life Coaching

Conflitti familiari: strategie e soluzioni per gestire l’effetto bandwagon

I conflitti sono una componente inevitabile delle dinamiche familiari, data la convivenza di personalità, aspettative e bisogni diversi sotto lo ...
Leggi l'articolo →
Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.