IO SENIOR, CONTROLLATO DA UNO JUNIOR

Approfondimento del video sullo stesso tema, pubblicato sul sito www.job24.it, canale Lavoro de Il Sole 24ore.

Pierluigi è un ingegnere che lavora in una grande azienda multinazionale. A inizio di una sessione ha esordito con queste parole:

“Sono spesso fuori nei cantieri. Il mio problema è che ho un referente in un paese estero, giovane e molto pieno di sé. Ha poca esperienza ed è molto presupponente. Non accetta il mio ruolo di consulente e fa di tutto per mettermi in difficoltà. Vorrei aiutarlo, trasferirgli la mia esperienza e fargli capire che sarebbe meglio per tutti, collaborare.”

Le intenzioni di Pierluigi sembrano buone. Vuole solo andare d’accordo con il suo giovane referente, ma i suoi tentativi cadono nel vuoto, i suoi sforzi sembrano che facciano l’effetto opposto. Quando gli ho chiesto quale fosse il valore di questo giovane per essere diventato un referente di un consulente senior, ha cominciato ad elencare una serie di competenze di alto profilo di questa persona, nonostante la scarsa esperienza specifica. Inoltre, si è reso conto che la sua presupponenza forse vuole mascherare una insicurezza di fondo.

In una delle sue missioni all’estero, ha provato ad osservare il suo giovane referente e ad ogni occasione che si presentava, valorizzava il suo lavoro e le sue decisioni, dandogli dei feedback positivi e costruttivi. Ha smesso di volergli insegnare qualcosa, ma ora lo deve fare suo malgrado, in quanto il referente gli chiede direttamente aiuto quando serve. Ora la sera vanno a bere una birra insieme dopo il cantiere.

In questo caso la strategia funzionale si è basata sull’osservazione dell’interlocutore, sul riconoscimento esplicito delle sue qualità e sulla decisione di non imporre le proprie scelte professionali, ma lasciando lo spazio per ascoltare quelle altrui. La mossa vincente è stata abbandonare l’atteggiamento competitivo, per abbracciare una filosofia win win.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Life Coach Italy - BLOG - Speranza sedia dei pigri? Crescita Personale

Speranza, sedia per pigri? 

In questo articolo vogliamo proporvi una nostra riflessione critica sul ruolo della speranza nelle dinamiche della vita quotidiana e dello ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Navigare tra ambizione e benessere personale - L'arte del bilanciamento Crescita Personale

Navigare tra ambizione e benessere personale: l’arte del bilanciamento.

Vivere per lavorare o lavorare per vivere? Molti risponderanno:”Ovvio, lavorare per vivere…”, ma è veramente così? Questa distinzione diventa, infatti, ogni giorno ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Leadership e umiltà - un binomio strategico per il benessere aziendale Business Coaching

Leadership e umiltà: un binomio strategico per il benessere aziendale.

In un tessuto imprenditoriale che spesso esalta l’audacia e l’affermazione personale, la leadership basata sull’umiltà si presenta come un paradigma ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.