IL SESSO DEL COACHING

Il bisogno di amare e di dare all’altro ha una sua suggestiva origine nel mito descritto da Aristofane nel Simposio di Platone, secondo cui in tempi antichi gli uomini erano esseri perfetti e non vi era alcuna distinzione tra maschi e femmine. Ma l’invidioso Zeus, divise in due quelle meravigliose creature, rendendole più deboli. E così, secondo la leggenda, nel tentativo di ritrovare l’unità e la forza dell’antica natura, in noi è innato il desiderio d’amore gli uni per gli altri, la perenne ricerca della propria metà, trovando la quale si rivive l’antica perfezione e quindi la felicità.

Così si spiegherebbe anche il senso di aridità e frustrazione di chi vive proiettato solo sulle proprie esigenze, mentre il desiderio di donare e l’attenzione agli altri, è spesso all’origine di uno stato di maggiore appagamento. È quindi anche comprensibile il bisogno di cercare negli altri le nostre parti complementari. Chi riconosce e rispetta la diversità dell’altro, ne trae benefici perché ne coglie la ricchezza.

E proprio sul valore dell’integrazione che oggi si fondano anche le più innovative politiche di Diversity Management nelle aziende. La valorizzazione della diversità contribuisce a creare gruppi di lavoro geniali, a migliorare il clima interno e rende anche in termini produttivi.
La diversità di genere rappresenta le due facce dell’antica perfezione, rispetto alla debolezza della parzialità soggettiva delle prospettive.

Il valore dell’integrazione delle dimensioni di genere può spiegare il successo del Coaching che fonde in sè aspetti tipicamente femminili e maschili. Nel nostro approccio contiamo su competenze squisitamente relazionali (ascolto, presenza, confidenza, fiducia, empatia, comunicazione), caratteristiche più diffuse nell’universo femminile. E usiamo anche competenze realizzative, pragmatiche e di governo dei processi, tipicamente maschili (focalizzazione di obiettivi, sviluppo di consapevolezza e apprendimenti, definizione di strategie e piani d’azione).
È nel giusto equilibrio e nell’incontro delle competenze ”maschili” e “femminili” che si realizza la magia del Coaching, che si potrebbe definire una professione “androgina”, che consente di realizzare con equilibrio il maschile e il femminile che è in ciascuno di noi.

Il Coaching facilita la realizzazione di obiettivi in tutti gli ambiti della vita personale, familiare, sociale e professionale. Un percorso di integrazione e completamento delle due anime ataviche, un tassello per riconoscersi e sviluppare amore e autostima.

(Liberamente tratto dall’editoriale di marzo 2011 di Coaching Time – www.coachingtime.it)
La guerra fra i sessi è l’unica in cui i nemici dormono regolarmente insieme. (Quentin Crisp, Manners da
Heaven, 1984)

Giovanna Giuffredi

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi Crescita Personale

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi

Il libro per bambini di Leo Lionni “Pezzettino” tocca un tema a noi molto caro, su cui questa settimana vorremmo ...
Leggi l'articolo →
Business Coaching

Unità nella diversità: un approccio olistico per un business responsabile

Che cosa significa adottare un approccio olistico in azienda?Se ne parla molto, ma sappiamo tutti dare una risposta a questa ...
Leggi l'articolo →
Il tempo come eredità - una riflessione sul valore del tempo Crescita Personale

Il tempo come eredità: una riflessione sul valore del tempo 

Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando. Albert Einstein. ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.