I LIVELLI DELLA COMUNICAZIONE: RELAZIONE E CONTENUTO

Approfondimento del video sullo stesso argomento pubblicato sul Canale JOB del Sole24ore

Capita che le persone quando interagiscono, pur avendo ottime intenzioni, finiscano per litigare o comunque i toni della conversazione superano le righe consentite e, di conseguenza, le reazioni sono spropositate. Cosa accade?

Può succedere che invece di parlare dei contenuti che riguardano fatti specifici, anche lavorativi, si tocchi il livello della relazione. Si sposta il discorso sul piano personale. Un Capo in un ufficio, ad esempio, continuava ad attaccare un collaboratore per il suo disordine, rimproverandolo: “Tu sei disordinato!”. Il risultato è stato che il collaboratore ha cominciato ad occuparsi dell’ordine, tralasciando il lavoro da svolgere. Un altro caso riguarda un progettista che accusava il suo responsabile di essere poco in ufficio e ogni volta che lo incontrava gli diceva “Tu sei sempre assente!”. Il capo cominciò a mettere in dubbio l’autonomia gestionale del collaboratore.

Nei due esempi, la formazione grammaticale della frase è la stessa: seconda persona singolare del pronome (tu), coniugata con il verbo essere (sei), seguito da un aggettivo qualificativo squalificante (disordinato o assente…). E’ un modo per costruire un’ etichetta che si affibbia a una persona, toccando la sfera della sua identità. Sono frasi accompagnate spesso dal dito puntato della mano. Il risultato è ben distante da quello desiderato.

Nessuno ama essere giudicato , soprattutto quando non si capisce quale sia la vera intenzione dell’interlocutore. Sarebbe diverso dire : “Il disordine mi impedisce di lavorare in modo efficace, come possiamo fare per avere le pratiche a disposizione quando servono, senza perdere tempo?”. E ancora: “Ho bisogno di condividere delle idee, quando non ci sei non so come fare, mi serve un punto di riferimento con cui confrontarmi”. La questione è in parte puramente linguistica e in parte riguarda la capacità di mantenere il focus su ciò che si desidera, assumendosi la responsabilità della richiesta (dal tu, all’io…).

Si tratta di condividere una esigenza personale (come fare…), con chiarezza e in modo diretto, mettendo in risalto il risultato che si desidera ottenere.

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.