FEEDBACK SI, MA COSTRUTTIVI

Si può apprendere da una critica?

Approfondimento del video pubblicato su JOB24, canale lavoro del Sole24ore.com

Feedback e obiettivi sono due parole che spesso sono temute nelle aziende, creano un certo disagio sia per chi deve comunicarli, sia che per chi deve riceverli.

Raffaele, un manager con uno staff piuttosto numeroso da seguire, rimanda più che può questo momento e lo affronta frettolosamente. I suoi collaboratori lo considerano freddo e superficiale. In realtà lui ha sono paura di ferire e di demotivare le persone, soprattutto se la valutazione che deve assegnare è negativa.

E’ anche vero che spesso le persone vivono la valutazione come una critica, spesso fonte di conflitti, dissapori e in diversi casi viene considerata una minaccia alla propria sicurezza, all’autostima, un colpo inferto all’immagine di sé. Ma dipende come il feedback viene offerto.

Ho seguito Raffaele come uno shadow coach, ero letteralmente la sua ombra durante i colloqui di feedback e l’ho sentito pronunciare parole come “Così non va bene, non hai raggiunto i risultavi che avevamo concordato”, oppure “Va bene così, continua su questa strada”.

In tutte e due i casi, cosa si portava via il destinatario di questi commenti? Solo la sensazione di disapprovazione o apprezzamento, senza imparare nulla di specifico.

Gli ho chiesto il senso dei suoi commenti, cosa inparticolare avrebbe dovuto fare meglio il primo collabortaore e che cosa nello specifico apprezzava nell’altro. Coglieva molti elementi, sfumature sul piano relazionale, organizzativo, gestionale dei processi, ecc. Aspetti che, però, si guardava bene dal condividere.

Quando ha invece imparato a trasferire i suoi commenti ai diretti interessati, ha avuto la sorpresa di sentirsi ringraziare anche quando il feedback era negativo. I suoi collaboratori avevano avuto spunti di apprendimento sia per migliorare che per rinforzare le loro competenze.

Se si guarda un albero dal basso può sembrare una sequoia, visto dall’alto sembra un cespuglio. Una critica o un’opinione anche a nostro sfavore è un dono, un vero regalo, un’ opportunità per imparare, ampliare punti di vista, cogliere angolazioni diverse, aprire una nuova finestra sul mondo.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi Crescita Personale

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi

Il libro per bambini di Leo Lionni “Pezzettino” tocca un tema a noi molto caro, su cui questa settimana vorremmo ...
Leggi l'articolo →
Business Coaching

Unità nella diversità: un approccio olistico per un business responsabile

Che cosa significa adottare un approccio olistico in azienda?Se ne parla molto, ma sappiamo tutti dare una risposta a questa ...
Leggi l'articolo →
Il tempo come eredità - una riflessione sul valore del tempo Crescita Personale

Il tempo come eredità: una riflessione sul valore del tempo 

Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando. Albert Einstein. ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.