FARE BELLA FIGURA O OFFRIRE UN SERVIZIO?

Approfondimento del video pubblicato su JOB24, canale lavoro del Sole24ore.com

Se si fosse chiesto come soddisfare le esigenze della platea, avrebbe ottenuto ciò che voleva.

Era un’occasione che aspettava da tempo. Avere la possibilità di fare una presentazione davanti all’AD e al board dell’azienda.

Paolo, un giovane manager rampante, si era preparato, allenato a ripetere il discorso, aveva curato le slides in ogni dettaglio, i dati erano inconfutabili. Il giorno della presentazione era agitato, ma anche molto padrone di sè. Non poteva andare male.
Ha cominciato il suo intervento con l’intenzione di fare bella figura, di mostrare quanto fosse preparato.

Dopo le prime 3 slides (ne aveva almeno 20) l’AD lo ha interrotto, si è rivolto ai responsabili di area presenti, chiedendo qualcosa e la conversazione è andata su altre tematiche.

Paolo è rimasto alcuni minuti in piedi in silenzio e poi ha capito che poteva andare ad accomodarsi al suo posto.

Chiaramente la delusione è stata cocente. Cosa poteva fare di diverso Paolo per avere il risultato sperato?

Rivedere il suo focus.

La sua intenzione era focalizzata nel fare bella figura. Se si fosse chiesto come soddisfare le esigenze della platea, puntando l’attenzione su quel risultato piuttosto che i suoi bisogni, avrebbe ottenuto ciò che voleva.

L’Ad aveva molti argomenti da trattare. Quando Paolo ha iniziato con le prime slides introduttive, i tempi dell’Amministratore erano ormai saturi di informazioni inutili e non aveva colto nulla di nuovo. E’ quindi passato ad un altro argomento.

Se Paolo avesse subito esposto l’idea centrale, innovativa che voleva comunicare, forse avrebbe attratto l’attenzione in un modo diverso e probabilmente qualcuno avrebbe chiesto di saperne di più e avere i dati di riferimento.

I risultati migliori si hanno quando si esce dalla propria individualità e ci si focalizza sulle esigenze degli interlocutori e sui benefici che una nostra azione può produrre negli altri.

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.