DIVENTA CIO’ CHE SEI

“Tu non sei il tuo nome. Tu non sei la forma e il peso del tuo corpo. Tu non sei la tuà età. Tu non sei il tuo indirizzo. Tu non sei il tuo lavoro. Tu non sei la tua famiglia. Tu non sei i tuoi amici. Tu non sei il tuo titolo di studio. Tu non sei quanti soldi o quanti debiti hai in banca. Tu non sei ciò che indossi. Tu non sei la tua casa, la tua auto, il tuo cellulare, il tuo computer, il tuo televisore. Tutto questo non ti definisce. Tutto questo ti definisce solo se tu glielo permetti. L’ infelicità è determinata da quanto permetti a tutto questo di definirti. La felicità che dipende da una o da tutte queste condizioni è precaria. Le tue identificazioni sono il risultato dei condizionamenti e delle aspettative che ti circondano da quando sei nato. Se hai creduto che corrispondere o reagire a queste aspettative fosse lo scopo della tua vita, hai dimenticato la tua vera natura. Se hai creato nuove identificazioni e attaccamenti per rispondere ai condizionamenti familiari, sociali, economici, politici, culturali, religiosi del tuo tempo, lo hai fatto per sopravvivere, per essere accettato e amato. Ogni esperienza negativa accumulata ti ha permesso di sopravvivere, ma non di vivere.  Quelle esperienze oggi sono muri che limitano la piena espansione e realizzazione del tuo essere. Lo scopo della tua vita è riconoscere il vero Te, ovvero quell’ Essere racchiuso e nascosto dietro tutte le false identificazioni e le scuse che hai collezionato, liberandoti dalle false identificazioni, convinzioni negative, condizionamenti e attaccamenti. Lo scopo della tua vita è comprendere che sei venuto al mondo con un progetto da scoprire e da realizzare. Al servizio e in sintonia con tutto ciò che ti circonda. Ma non è un processo automatico e non sei obbligato da niente a farlo. La natura dà a tutti semi e potenzialità. Sta a noi farli diventare frutti. La decisione è il motore del cambiamento. Quando avrai capito il tuo progetto, avrai capito il senso della tua vita e non ti accontenterai più di niente che ti allontani dal tuo scopo e dalla tua direzione. Le tue risposte, la tua strada, le tue alleanze faranno della tua vita un’opera d’arte”.

Ringraziamo Alberto Simone, autore, regista e fondatore del gruppo “Il bicchiere mezzo pieno” su Faceboook, per questa sua testimonianza.

 Giovanna Giuffredi

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla Crescita Personale

Insicurezza: affrontarla, capirla, superarla

L’insicurezza è il peggior sentimento che possono provare coloro che si amano. L’insicurezza stravolge i significati e avvelena la fiducia.Graham ...
Leggi l'articolo →
Zapper e Sapper: il potere della complementarietà Business Coaching

Zapper e Sapper: il potere della complementarietà

In ogni ambiente lavorativo, la varietà di personalità contribuisce a modellare la dinamica di gruppo e l’atmosfera generale.  Tra queste ...
Leggi l'articolo →
Life Coach Italy - Il senso perduto della gentilezza Business Coaching

Il senso perduto della gentilezza

Nel libro per bambini “Il piccolo libro della gentilezza” di Geronimo Stilton vengono posti ai piccoli lettori due quesiti interessanti:  ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.