CONFLITTI PARADOSSALI. COME PREVENIRLI E SUPERARLI

Approfondimento del video pubblicato sul sito www.job24.it, canale Lavoro de Il Sole 24 Ore.

Un caso conflittuale tra i tanti, fonte di malesseri, perdita di tempo ed energia, ma un conflitto evitabile. Una Responsabile delle Risorse Umane di una grande azienda ha ricevuto diverse lamentele dai collaboratori di un collega, per la sua latitanza nel reparto. Ci sono una serie di disfunzioni irrisolte. Lei lo convoca per una riunione con una e-mail.

Lui le risponde secco che non ha né tempo né voglia di intervenire. A questo punto lei gli telefona e ne nasce un diverbio acceso che si conclude con una reazione molto forte da parte di lui, decisamente sopra le righe. Cosa c’è dietro un conflitto di questo tipo e soprattutto, cosa sarebbe bastato per evitarlo? Andiamo dietro le quinte. Le sentiva di dover intervenire, ma non voleva scavalcare il collega, gli ha proposto pertanto un incontro per parlargliene e confrontarsi sui fatti.

Dopo lo scontro, si è sentita ferita e disconosciuta nel suo ruolo, tenendo conto che voleva solo chiarire una questione, aiutando il collega a risolverla. Lui era sotto forte pressione, aveva avuto l’incarico di riorganizzare un reparto in tempi molto stretti. In quel periodo aveva chiesto al suo responsabile di non essere coinvolto in riunioni per poter rispettare i tempi delle consegne. L’invito della collega lo aveva fatto infuriare, perché non si era sentito rispettato nella sua richiesta, peraltro approvata dall’alto. Se vediamo dall’esterno la situazione, le intenzioni dei due contendenti sono più che giustificabili.

Lei voleva rispettare il collega, nell’ambito delle sue funzioni e lui voleva rispettare i tempi delle consegne, in base agli accordi aziendali. Quello che emerge è la carenza della comunicazione, sul piano dei contenuti e della relazione. Si danno per scontate informazioni determinanti. Nel caso specifico la Responsabile del personale non era stata informata che il collega era stato esonerato dal partecipare alle riunioni e lui non sapeva nulla delle lamentele dei suoi collaboratori. Inoltre, le modalità troppo formali e sintetiche nel comunicare, ha dato adito ai fraintendimenti.

A volte tra colleghi basterebbe dirsi con trasparenza le proprie intenzioni, semmai anche davanti alla macchinetta del caffè.

Per condividere:

Diventa un Coach accreditato da ICF

I migliori corsi riconosciuti dall’International Coaching Federation

Categorie

In primo piano

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria Crescita Personale

Il ricordo come monito: riflessioni nel Giorno della Memoria

Il Lager non è mai uscito dal mio cuore e dal mio cervello. Niente potrà riparare la ferita subita, ma sono convinta che noi ex ...
Leggi l'articolo →
Navigare tra le differenze del Coaching Career Coaching

Navigare tra le differenze del Coaching

“Il coaching è liberare il potenziale di una persona per massimizzarne la crescita.” John Whitmore Durante i periodi di cambiamento o transizione, nei periodi in ...
Leggi l'articolo →

Podcast

Scopri altri post

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi Crescita Personale

Diventa ciò che sei: il valore di trovarsi

Il libro per bambini di Leo Lionni “Pezzettino” tocca un tema a noi molto caro, su cui questa settimana vorremmo ...
Leggi l'articolo →
Business Coaching

Unità nella diversità: un approccio olistico per un business responsabile

Che cosa significa adottare un approccio olistico in azienda?Se ne parla molto, ma sappiamo tutti dare una risposta a questa ...
Leggi l'articolo →
Il tempo come eredità - una riflessione sul valore del tempo Crescita Personale

Il tempo come eredità: una riflessione sul valore del tempo 

Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando. Albert Einstein. ...
Leggi l'articolo →
Non perdere i prossimi articoli, resta aggiornato sul mondo del coaching.

Iscriviti alla Newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Privacy
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.