8 marzo: Una voce fuori dal coro

Per anni ho lavorato con vari ruoli e responsabilità nei progetti comunitari dedicati alle pari opportunità di genere. Oggi fortunatamente si parla di inclusione con un approccio più ampio. Le leggi sono cambiate, le aziende più illuminate hanno attivato programmi e progetti speciali e rivisto le norme contrattuali per garantire a tutti pari opportunità contro ogni discriminazione non solo legate al sesso di appartenenza.

Ma si parla ancora di Diversity con riferimento a categorie particolari: genere, religione, orientamento sessuale, disabilità, ecc. E’ politicamente corretto farlo, applicando le adeguate misure a favore di queste cosiddette categorie di persone, ma quanto è il reale rispetto per le pari opportunità di queste persone?

L’8 marzo è una giornata che negli anni ha ampliato il raggio del suo significato sociale e le conquiste delle donne almeno sulla carta hanno fatto passi da gigante. Ci sono però ancora molte pagine da scrivere e la strada della vera e dignitosa parità di genere è solo all’inizio e purtroppo bisogna ancora manifestare contro la continua violenza sulle donne, ma questo è solo uno dei drammatici aspetti di una società violenta.

Nonostante tutto, oggi devo confessare che la celebrazione della giornata delle donne, come le feste dedicate a gruppi specifici di persone, mi comincia ad andare stretta, ai limiti dell’irritazione. Mi irritano le etichette, sento forte il rischio della ghettizzazione, delle contrapposizioni, noi e voi, noi e loro. Percepisco il seme potenziale degli scontri tra gruppi diversi e ne conosco l’esito. Sento fortissimo il rischio di speculazioni da parte di varie forze politiche e sociali, su un tema che ha forti componenti emotive e che riguarda, nel caso delle donne, la metà della popolazione.

E se istituissimo la giornata che celebra il Rispetto universale, a prescindere da qualsiasi differenza più o meno evidente? Se spostassimo il focus da ciò che ci distingue a ciò che ci unisce? Se celebrassimo almeno per un giorno il Rispetto e l’Amore universale come valori assoluti, per il genere umano, per gli animali, per le piante, i corsi d’acqua, per l’ambiente, per il pianeta che gentilmente ci ospita? Una festa che riguardi ogni essere e ogni componente della natura su questa terra. Una festa del rispetto delle opinioni, delle convinzioni, delle tendenze, dei valori. Una festa che celebri la libertà come ci insegnavano da piccoli, nel rispetto degli altri e del contesto in cui viviamo. Utopia? Mi piace sognare e immaginare che le persone un giorno di un 8 marzo nel futuro si prenderanno cura di una mimosa invece di strapparle i rami.

Giovanna Giuffredi

Tratto da: Coaching Time

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi